Altre attivitĂ  formative

01_Lucid-Schizophrenia-1024x682

Le altre attività formative (AAF) offrono la possibilità di personalizzare il curriculum degli studi in base ai propri interessi, attitudini, curiosità pur costituendo parte integrate della didattica. Sebbene i crediti corrispondenti alle AAF siano collocati all’interno di anni e di semestri specifici, questi possono essere acquisiti durante l’intero iter universitario e non si concludono con una valutazione in trentesimi, ma con una certificazione di idoneità. I nostri studenti possono scegliere di acquisire questi crediti secondo le seguenti modalità:

 

attività organizzate dal Dipartimento: lo studente dovrà dimostrare di aver partecipato ad una delle attività approvate dalla Commissione Didattica ed inserite in questo elenco consultabile anche nella bacheca di Presidenza e affisso nella sede dell’ex Mattatoio.

 

attivitĂ  proposte dallo studente: i docenti di riferimento, seguendo le indicazioni della Commissione didattica, decideranno caso per caso quali attivitĂ  certificare, le modalitĂ  di valutazione e il numero di crediti da attribuire.

 

Tutorato e brevi norme di funzionamento della didattica
Delibera Consiglio


attivitĂ  formative 2018/2019

 

 

WORKSHOP COSTRUZIONI IN TERRA CRUDA E BAMBÙ. UN MODULO DI ABITAZIONE E SERVIZIO RURALE NELLA REGIONE DI IFFOU (COSTA D’AVORIO)
Responsabile scientifico: Adolfo F. L. Baratta
Posti disponibili: massimo 15
Competenze richieste: possono partecipare alla selezione gli studenti, di tutti i corsi di laurea, del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi Roma Tre che abbiano una buona conoscenza della lingua inglese o francese.
Modalità di selezione: le domande di ammissione, corredate dai dati richiesti (nome e cognome, matricola, data e luogo di nascita, corso di laurea, conoscenza della lingua inglese e/o francese, numero di esami e di CFU sostenuti, media ponderata voto), dovranno essere trasmesse entro il 09 dicembre 2018 tramite posta elettronica (adolfo.baratta@uniroma3.it) con oggetto “Candidatura Costa d’Avorio”. Le candidature, come tutte le altre comunicazioni istituzionali, devono essere inviate da una casella @stud.uniroma3.it per indicare inequivocabilmente mittente e ricevente all’interno del sistema di posta d’Ateneo.
Nell’eventualità che le domande di ammissione superino il numero massimo consentito, saranno ammessi gli studenti che si trovino in posizione utile nella graduatoria. La graduatoria dei candidati e i nominativi dei vincitori verranno comunicati con avviso pubblicato sul sito del Dipartimento entro il 16 dicembre 2018. I candidati vincitori saranno anche avvisati per email e dovranno dare assenso di partecipazione entro e non oltre il 20 dicembre 2018.
Crediti formativi universitari attribuiti ai partecipanti: 4 CFU
Periodo: gennaio-marzo 2019 (in Costa d’Avorio dal 14 al 21 febbraio)
Luogo: Roma e Iffou (Costa d’Avorio)
Contributo richiesto: non è previsto alcun contributo economico per il Dipartimento di Architettura. Agli studenti partecipanti competono le spese per la missione in Costa d’Avorio.
Descrizione dell’attivitĂ : nell’ambito delle iniziative a sfondo sociale che alcuni docenti del Dipartimento di Architettura promuovono da anni, è promossa una ricerca progettuale sul tema delle costruzioni in terra cruda e bambĂą in Paesi a basso reddito. In particolare, l’obiettivo generale è di individuare delle soluzioni, compatibili con il contesto socio-economico e ambientale, in grado di contribuire alla costruzione di una piccola struttura in Costa d’Avorio. La proposta progettuale, mettendo a sistema le risorse locali, oltre a mettere a disposizione della comunitĂ  locale una piccola struttura, mira a formare delle competenze specifiche, negli studenti partecipanti e nei giovani volontari locali, sul tema della terra cruda e bambĂą, dell’autocostruzione. La ricerca, oltre all’UniversitĂ  degli Studi Roma Tre, ha il supporto della Onlus “Acqua e Miele Onlus”, dello Studio di Architettura AK0 e dell’Associazione Culturale “Architettura Emergenza Sviluppo”.
Bando


EDUCARE ALLE MOSTRE EDUCARE ALLA CITTA’ 2018-2019
proponente/referente
: Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali (Servizio Coordinamento tecnico-scientifico per l’attuazione delle attività di Catalogo Unico della Sovrintendenza e attività didattiche) – Francesca Romana Stabile
studenti ammessi: 70
crediti formativi: 2
periodo: 12 ottobre 2018 – 18 maggio 2019
riscontro richiesto: partecipazione a sei degli incontri del programma allegato e relative sei relazioni (due cartelle di 2.000 battute PER CIASCUN INCONTRO). La frequenza agli incontri verrĂ  registrata
Testo descrittivo dell’attività: Visite alle mostre, incontri su aspetti particolari delle collezioni, approfondimenti per una lettura ragionata della storia della città dal centro alla periferia. Il programma è realizzato in collaborazione con: Dipartimento Cultura – Archivio Storico capitolino; Istituzioni Biblioteche di Roma; Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea; Sapienza Università di Roma – Dipartimento di Storia dell’arte e spettacolo; Università degli Studi Roma Tre – Dipartimento di Architettura; l’Istituto Luce.
Informazioni: Info e prenotazioni Tel. 060608 tutti i giorni dalle 9.00 alle 21.00
Programma


GIORNATE FAI – FONDO AMBIENTE ITALIANO (Autunno 2018)
tipo di attività: visite guidate (“narratore”)
proponente/referente: Francesca Romana Stabile
posti disponibili: 25 studenti
competenze richieste: Conoscenza della storia dell’architettura, conoscenza lingue straniere (facoltativo) – da verificare attraverso un colloquio
modalitĂ  di selezione: Ordine di iscrizione – La scadenza delle candidature è il 21 settembre.
anno di corso per cui l’attività è consigliata: Laurea Magistrale
crediti formativi: 2
periodo e numero complessivo di ore: 43-50 ore, 13 e 14 ottobre 2018
luogo: il percorso sarĂ  incentrato sullo sviluppo dei trasporti della zona della cittĂ  che va dalla Stazione Termini a San Lorenzo e che ha visto una grande espansione nei primi decenni del Novecento.
riscontro richiesto ai partecipanti: Relazione dell’attività svolta di almeno 4.000 caratteri
descrizione dell’attività: Visite guidate ai siti che saranno aperti in occasione delle Giornate FAI di Autunno 2018. Nell’ambito dell’attività gli studenti dovranno:
– Partecipare all’incontro per i “narratori” organizzato dalla Delegazione di Roma del FAI con data da definire, ma comunque nella prima metĂ  di ottobre. Si tratta di un incontro di 2 ore, per l’avvio dell’attivitĂ ;
– Studiare il materiale informativo fornito dai responsabili FAI dei beni aperti. Questa attivitĂ  è individuale, ed è richiesta a tutti coloro che faranno da guida ai gruppi. Il tempo stimato per questo studio è di 16 ore;
– Effettuare il sopralluogo del bene a cui sono stati assegnati con l’intero gruppo dei volontari del bene. Si tratta di una visita di circa 3 ore;
– Svolgere il ruolo di “narratore” del bene nelle due Giornate. Agli studenti si chiede un impegno pari a 20 ore, da svolgersi su sito secondo una scaletta che sarĂ  predisposta e condivisa con loro in funzione della complessitĂ  del sito e del numero di partecipanti;
– Partecipare ad almeno una riunione del gruppo FAI Giovani Roma successiva alle Giornata FAI 2018 per raccogliere i feedback dell’evento. La durata stimata della riunione è di 2 ore.
L’attivitĂ  rientra nell’Accordo attuativo tra il FAI – Fondo Ambiente Italiano e l’UniversitĂ  Roma Tre – Dipartimento di Architettura


WORKSHOP BIOCOSTRUZIONE IN ARUNDO DONAX “IL METODO CANYAVIVA”
proponente/referente: Francesco Careri
posti disponibili: min. 15 max 20
competenze richieste nessuna in particolare
modalità di selezione: ordine di iscrizione supportato da una lettera motivazionale da inviare per mail all’indirizzo: canyavivaitalia@gmail.com
anno di corso per cui l’attività è consigliata: a tutti gli studenti delle Lauree Specialistiche e delle Lauree Magistrali
crediti formativi universitari attribuiti ai partecipanti: 2 CFU
periodo e numero complessivo di ore: dal 24 al 28 settembre, ore di formazione 50
luogo: Manziana (RM), Quadroni via Viterbo 27 la Yogurta sede operativa dell’ass. Cantiericomuni
contributo richiesto: € 150
riscontro richiesto ai partecipanti: diario di bordo con immagini, appunti e suggestioni delle giornate di formazione e del lavoro svolto da inviare in formato PDF (di almeno 5 pagine)
descrizione dell’attivitĂ : Il metodo CanyaViva consiste nell’ottimizzazione delle proprietĂ  meccaniche di Arundo donax (la canna mediterranea) per la creazione di archi strutturali combinabili in differenti possibilitĂ  compositive.
Il modello costruttivo proposto da CanyaViva si basa sul rispetto dei cicli naturali della materia: in questo approccio, le risorse provenienti dalla natura si evolvono e si trasformano grazie a un’azione umana partecipativa, che ne valorizza creativamente le caratteristiche intrinseche. Ne emerge un’architettura che riflette la relazione fra il potere creativo della natura e quello dell’uomo, punto base di una coscienza ecologica viva e multidisciplinare.
Il corso, della durata di 50 ore è organizzato in una parte teorica ed una parte pratica e permette di apprendere le basi della costruzione in canna mediterranea secondo il metodo CanyaViva. Verrà rilasciato un certificato di partecipazione .
Programma teorico: il materiale: caratteristiche biologiche e proprietĂ  del materiale; il sistema CanyaViva e le sue applicazioni; fondamenta e coperture.
Programma pratico: preparazione del materiale: raccolta, pulizia, classificazione; realizzazione degli elementi costruttivi: assemblaggio delle canne in fasci; curvatura e montaggio degli archi.Realizzazione della struttura attraverso l’assemblaggio degli archi realizzati, collaudo e inaugurazione dello spazio.
CanyaVivaItalia nasce nel 2016 come nucleo italiano della rete CanyaViva, proseguendo il percorso iniziato intorno al 2005 con le prime sperimentazioni dell’architetto inglese Jonathan Cory-Wright. Grazie a questo percorso, che è in continuo aggiornamento si è giunti a una standardizzazione del metodo che codifica la scelta della materia prima, la sua classificazione e i criteri di costruzione che garantiscano una provata capacità strutturale alle opere realizzate. Il sistema è registrato con licenza Copyleft al fine di promuoverne la diffusione e la rielaborazione.
Locandina


AFRICAN METROPOLIS. Una Mostra ed tre incontri con protagonisti dell’architettura africana contemporanea
22 giugno 2018 – 04 novembre 2018
maXXI Galleria 3
a cura di Simon Njami, co-curata da Elena Motisi
proponente/referente: prof.ssa Lucia Nucci
competenze richieste: nessuna
anno di corso per cui l’attività è consigliata: triennale, specialistica e studenti stranieri
crediti formativi universitari attribuiti ai partecipanti: 1
periodo e numero complessivo di ore: 50 h (aver seguito le conferenze al Maxxi e predisposizione delle Schede dei progetti presentati)
luogo: MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo – Ingresso gratuito per gli studenti di architettura di Roma Tre
contributo richiesto: nessuno
riscontro richiesto ai partecipanti: ai partecipanti si richiede di approfondire con immagini uno o più progetti presentati nella mostra e nel corso delle conferenze AFRICAN METROPOLIS.  I progetti saranno presentati in un fascicolo in formato A4 b/n contenente piante, prospetti, sezioni e vedute panoramiche. Agli studenti si chiede di descrivere il progetto con delle didascalie che accompagnano ciascuna immagine
descrizione dell’attivitĂ : una panoramica approfondita sulla scena artistica e culturale del continente africano. In arrivo una grande mostra dedicata al continente africano: il progetto, realizzato in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, presenta i lavori di circa 40 artisti che riflettono sulle grandi trasformazioni sociali e culturali in atto. Attraverso cinque capitoli la mostra presenta la struttura complessa di una metropoli in cui lo spazio urbano eĚ€ visto come luogo di incontro di esperienze diverse e dove tradizione e contemporaneitaĚ€ dialogano.
La mostra prevede anche un progetto di committenza con la produzione di nuove opere e progetti site specific. Tra gli artisti coinvolti: Bili Bidjocka, Meschac Gaba, Hassan Hajjaj, Youssef Limoud e James Webb.
Tre incontri con protagonisti dell’architettura africana contemporanea
Tre architetti, caratterizzati da approcci e formazioni estremamente diversi, presentano la loro pratica e le rispettive esperienze progettuali, con particolare attenzione ai programmi collettivi e al benessere comune, in occasione della mostra AFRICAN METROPOLIS.
mercoledì 4 luglio, h 18:00 | David ADJAYE (Ghana/GB)
giovedì 12 luglio, h 18:00 | Mokena MAKEKA (Sudafrica/USA)
giovedì 19 luglio, h 18.00 | Jo NOERO (Sudafrica)
MAXXI Galleria 4 – Ingresso gratuito per gli studenti di architettura di Roma Tre con possibilitĂ  di prenotazione del posto per i primi 10, scrivendo a ricerca@fondazionemaxxi.it.con oggetto ”studenti architettura roma tre”