Altre attività formative

 01_Lucid-Schizophrenia-1024x682

Le altre attività formative (AAF) offrono la possibilità di personalizzare il curriculum degli studi in base ai propri interessi, attitudini, curiosità pur costituendo parte integrate della didattica. Sebbene i crediti corrispondenti alle AAF siano collocati all’interno di anni e di semestri specifici, questi possono essere acquisiti durante l’intero iter universitario e non si concludono con una valutazione in trentesimi, ma con una certificazione di idoneità. I nostri studenti possono scegliere di acquisire questi crediti secondo le seguenti modalità:

 

attività organizzate dal Dipartimento: lo studente dovrà dimostrare di aver partecipato ad una delle attività approvate dalla Commissione Didattica ed inserite in questo elenco consultabile anche nella bacheca di Presidenza e affisso nella sede dell’ex Mattatoio.

 

attività proposte dallo studente: i docenti di riferimento, seguendo le indicazioni della Commissione didattica, decideranno caso per caso quali attività certificare, le modalità di valutazione e il numero di crediti da attribuire.

 

Tutorato e brevi norme di funzionamento della didattica
Delibera Consiglio


attività formative 2019/2020

 

VIAGGIO IN ITALIA: UN TACCUINO DISEGNATO
proponente/referente: 
Lucia Nucci
competenze richieste: l’attività va preventivamente concordata con il Docente proponente
modalità di selezione: CFU conseguiti
anno di corso per cui l’attività è consigliata: triennale, specialistica, studenti erasmus
crediti formativi universitari attribuiti ai partecipanti: 2
periodo e numero complessivo di ore: 50 h (aver svolto un viaggio per motivi di studio e aver predisposto delle Schede disegnate a mano dei progetti oggetto del viaggio)
luogo: a scelta dello studente, concordato preventivamente con la prof. Nucci
riscontro richiesto ai partecipanti: si richiede di approfondire con immagini disegnate a mano e materiali originali ricercati uno o più progetti di architettura, di urbanistica o di Paesaggio che sono stati oggetto di un viaggio di studio. Il taccuino si ispira ai disegni che i viaggiatori stranieri in visita in Italia facevano di importanti complessi architettonici e paesistici. I progetti saranno presentati in un fascicolo in formato A4 b/n o colori contenente piante, prospetti, sezioni e vedute panoramiche. Agli studenti si chiede di descrivere il progetto con delle didascalie che accompagnano ciascuna immagine. La bibliografia di riferimento viene costruita dallo studente dopo aver concordato il viaggio con il docente di riferimento
descrizione dell’attività: il taccuino di viaggio si ispira ai disegni che i viaggiatori stranieri in visita in Italia facevano di importanti complessi architettonici e paesistici. L’iniziativa molto presente all’estero ha scopo di favorire una conoscenza diretta dei luoghi da parte degli studenti di Architettura.


WORKSHOP CON IL PROF. ARCH THIERRY REY DELLA ÉCOLE NATIONALE SUPÉRIEURE D’ARCHITECTURE DI STRASBURGO PER LA PARTECIPAZIONE AL CONCORSO D’IDEE INTERNAZIONALE ‘LIGHT UP! VERTICAL EXTENSIONS WITH WOOD. OPEN STUDENT COMPETITION 2020’.
proponente/referente: Paola Marrone e Michele Furnari con Camillo Nuti, Davide Lavorato
posti disponibili: massimo 30
competenze richieste -
modalità di selezione: media dei voti
anno di corso per cui l’attività è consigliata: 3 anno triennale e 1 e 2 anno corso di Laurea Magistrale
crediti formativi universitari attribuiti ai partecipanti: 2 cfu
periodo e numero complessivo di ore 50
luogo: Roma, sede del Mattatoio padiglione 2B
contributo richiesto: già finanziato con fondi internazionalizzazione Dipartimento
riscontro richiesto ai partecipanti: book con elaborati relativi al tema del Workshop.
descrizione dell’attività: nell’ambito delle attività per l’internazionalizzazione del Dipartimento di Architettura, il prof. arch. Tierry Rey (www.rca-a.com) della École nationale supérieure d’architecture di Strasburgo terrà un workshop mirato alla partecipazione degli studenti al concorso d’idee ‘Light up! Vertical extensions with wood. Open student competition 2020’, la cui scadenza è il 31 marzo 2020.
Lo Student Trophy pro:Holz è una competizione internazionale e interdisciplinare rivolta a studenti sul tema della costruzione in legno. In questa terza edizione, il concorso si occupa di densificazione di tre quartieri residenziali costruiti a Vienna negli anni Sessanta.
Il workshop, rivolto agli studenti iscritti a una delle tre Lauree Magistrali, in gruppo con studenti d’ingegneria, si svolgerà in due sessioni, ciascuna della durata di due giorni: (Parte 1: 12 e 13 novembre; Parte 2: 17-18 dicembre 2019; dalle 10.00 alle 18.00, Padiglione 2B).
Nel corso delle due sessioni saranno affrontati i temi del concorso:
– costruzioni in legno ad uso residenziale;
– spazi abitativi flessibili e a basso costo;
– accessibilità e sicurezza al fuoco;
– soluzioni tecnologiche per la mitigazione climatica.
Nell’elaborazione delle proposte progettuali e in ragione dei temi proposti dal concorso, gli studenti saranno affiancati anche da alcuni docenti del Dipartimento, con lo scopo sia di portare a conclusione il concorso (scadenza marzo 2020) dopo il workshop, sia di elaborare tesi di laurea a partire dal tema del workshop. Partecipano, pertanto, al workshop i docenti:
Gabriele Bellingeri, Chiara Tonelli, Paola Marrone e Federico Orsini (tecnologie ambientali e costruttive)
Michele Furnari (tipologie e architettura)
Alessandro Bergami, Gabriele Fiorentino, Davide Lavorato, Camillo Nuti, Fabrizio Paolacci (struttura)
Maurizio Follesa (tecnologie del legno).
Saranno riconosciuti 2 cfu a conclusione delle due sessioni del workshop (presentazione book con elaborati propedeutici al concorso).
Possono partecipare al workshop massimo 30 studenti selezionati, proporzionalmente alle domande ricevute, tra iscritti alla laurea magistrale o alla laurea triennale e in base al voto di laurea triennale (studenti iscritti alla laurea magistrale) e alla media dei voti (studenti iscritti alla laurea triennale).
Iscrizione entro l’8 novembre inviando una email a paola.marrone@uniroma3.it.
L’email avrà per oggetto: Workshop-concorso ProHolz e riporterà i dati dello studente (nome, cognome, corso di laurea e anno, voto finale della laurea triennale).
Link http://www.proholz-student-trophy.at/?L=1


VIAGGIO DIDATTICO A VIENNA
proponente/referente: Marco Burrascano
posti disponibili: minimo 30 massimo 50
competenze richieste: nessuna in particolare
modalità di selezione: ordine di iscrizione
anno di corso per cui l’attività è consigliata: laurea triennale in scienze dell’architettura
crediti formativi universitari attribuiti ai partecipanti: uno
periodo e numero complessivo di ore: dall’8 al 10 novembre, tre giorni pieni di visite e lezioni
luogo: Vienna
contributo richiesto: Spese di viaggio di 150 euro più vettore Roma – Vienna a/r
riscontro richiesto ai partecipanti: relazione di almeno 4.000 caratteri
descrizione dell’attività:
VENERDÍ 8 NOVEMBRE – Ritrovo a Vienna in mattinata in Ostello per lasciare i bagagli in una stanza apposita. Incontro con l’Accompagnatore e spostamento a piedi per prime visite. Visita alla Secession di Josef Maria Olbrich e alla Karlskirke di Fischer von Erlach. In seguito visita alle architettura di Otto Wagner: le residenze Wienzeilehäuser, la Stazione della metropolitana Kettenbrücken, Karlsplatz Pavillons, Anker Haus, e di Adolf Loos: Café Museum, Looshaus – Goldman & Salatsch, Libreria Manz, Schneidersalon Knize, Kärtner American Bar e di Jože Plečnik la Zacherlhaus. Rientro in ostello per la
sistemazione. Cena e serata libera.
SABATO 9 NOVEMBRE – Colazione in Ostello e partenza con i mezzi pubblici per le visite nella periferia di Vienna. Visita al Karl-Marx-Hof di Karl Ehn, e alla Chiesa di San Leopoldo di Otto Wagner. Pranzo* libero e nel pomeriggio visita alla Postparkasse di Otto Wagner e a Casa Wittgenstein. Rientro in ostello, cena e serata libera.
DOMENICA 10 NOVEMBRE – Colazione in ostello e spostamento con i mezzi pubblici all’Area Museum Quarter per la visita prenotata al Leopoldmuseum di Ortner&Ortner, all’Architekturzentrum Wien e alla Nationalbibliothek di Fischer Von Erlach. Dopo il pranzo pomeriggio libero per visite autonome e rientro a Roma in modo autonomo; rientro a Roma in modo autonomo.
Oltre al sottoscritto a raccontare e mostrare le opere agli studenti ci sarà l’architetto Luca Sgubbi, esperto della città di Vienna, in veste di accompagnatore e guida culturale.

https://www.proviaggiarchitettura.com/proviaggi_eventi/vienna/


DIMORE STORICHE DELLA REGIONE LAZIO 2019-2020
proponente/referente: proponente per Regione Lazio – Lazio Innova: Lorenzo Sciarretta e Giusi Alessio; referente per il Dipartimento di Architettura: Paola Porretta
posti disponibili: minimo 10 – massimo 80
modalità di selezione: ordine di iscrizione. Candidature e info all’indirizzo giovani@regione.lazio.it
anno di corso per cui l’attività è consigliata: qualsiasi
crediti formativi universitari attribuiti ai partecipanti: 2
periodo e numero complessivo di ore: novembre 2019 – maggio 2020
luogo: Regione Lazio
riscontro richiesto ai partecipanti: relazione di almeno 4.000 caratteri
descrizione dell’attività: La Rete delle Dimore Storiche del Lazio.
Luoghi come le Ville Tuscolane, il Giardino di Ninfa, le residenze dei Farnese, il Castello Odescalchi di Santa Marinella sono parte di un patrimonio diffuso nel nostro paesaggio, nel quale natura, storia arte, architettura e lavoro dell’uomo hanno interagito per produrre scenari complessi.
Si tratta di luoghi straordinari, talvolta parte dell’immagine dell’Italia stessa, che per le loro valenze culturali e turistiche sono oggetto di una rinnovata attenzione da parte di Regione Lazio.
La “Rete delle dimore storiche del Lazio” è stata costituita nel 2017 in applicazione della Legge regionale n. 8 del 2016. Ai 109 siti pubblici e privati selezionati attraverso il primo avviso pubblico, si sono aggiunti in un secondo avviso 21 nuovi luoghi e successivamente ulteriori 25 edifici, per un totale di circa 140 tra castelli e complessi architettonici, monasteri, chiese e conventi, palazzi e dimore storiche, parchi e casali.
Grazie a questa iniziativa il pubblico può scoprire luoghi spesso poco noti e ammirare la grande bellezza custodita dal nostro territorio. Un evento che vogliamo ripetere periodicamente per valorizzare sempre più questo immenso patrimonio costituito da castelli, complessi architettonici, monasteri, chiese e conventi, palazzi e dimore storiche, parchi e casali.
Studenti volontari
In ogni dimora storica aperta al pubblico la presenza e la collaborazione di studenti volontari sarà necessaria per offrire un’esperienza positiva ai migliaia di cittadini che invaderanno le Dimore per scoprirne la bellezza. I volontari saranno coinvolti nell’assistenza al pubblico fornendo loro indicazioni, informazioni e supporto.
Date 17 novembre 2019 dalle ore 9.00 alle ore 19.00 – Apertura Autunnale delle Dimore Storiche del Lazio
Dicembre (data da confermare) – Visita guidata presso una Dimora Storica della Città di Roma
Weekend di Aprile (date da confermare) dalle 9.00 alle 19.00 – Apertura Primaverile delle Dimore Storiche del Lazio
Le suddette attività verranno affiancate da n. 16 ore di formazione.


EDUCARE ALLE MOSTRE – EDUCARE ALLA CITTÀ 2019-2020
proponente/referente: Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali (Servizio Coordinamento tecnico-scientifico per l’attuazione delle attività di Catalogo Unico della Sovrintendenza e attività didattiche) – Dipartimento di Architettura (referente Francesca Romana Stabile)
studenti ammessi: 70
crediti formativi: 2
periodo: ottobre 2019 – maggio 2020
riscontro richiesto: partecipazione a sei degli incontri del programma “Educare alle mostre, educare alla città” (vedi allegato) e relative sei relazioni (due cartelle di 2.000 battute PER CIASCUN INCONTRO). La frequenza agli incontri verrà registrata
descrizione dell’attività: Visite alle mostre, incontri su aspetti particolari delle collezioni, approfondimenti per una lettura ragionata della storia della città dal centro alla periferia. Il programma è realizzato in collaborazione con: Dipartimento Cultura – Archivio Storico Capitolino; Istituzioni Biblioteche di Roma; Biblioteca di Storia Moderna e Contemporanea; Sapienza Università di Roma – Dipartimento di Storia dell’arte e spettacolo; Università degli Studi Roma Tre – Dipartimento di Architettura; Accademia di Belle Arti; Istituto Luce.
informazioni: www.sovraintendenzaroma.it
http://www.060608.it/it/eventi-e-spettacoli/incontri/educare-alle-mostre-educare-alla-citta.html
Prenotazione obbligatoria
Tel. +39 060608 (tutti i giorni ore 9.00-19.00)
Per il riconoscimento dei CFU contattare Francesca Romana Stabile:
francescaromana.stabile@uniroma3.it
Programma completo


GIORNATE FAI DI AUTUNNO 2019
proponente: Francesca Romana Stabile
posti disponibili: 25 studenti, per l’iscrizione inviare una mail a francescaromana.stabile@uniroma3.it entro il 30 settembre 2019, indicando nome cognome e recapito telefonico
competenze richieste: conoscenza della storia dell’architettura
modalità di selezione: ordine di iscrizione§
descrizione dell’attività: in occasione dell’VIII edizione delle Giornate FAI di Autunno 2019, previste per il 12 e 13 ottobre, si propone agli studenti delle Lauree magistrali in Architettura-Restauro, Progettazione architettonica, Progettazione urbana, di partecipare all’attività di “narratore” per le visite guidate organizzate a Roma dal FAI.
Le attività da svolgere saranno di:
– partecipare a un primo incontro operativo per i narratori organizzati dalla Delegazione di Roma del FAI. L’incontro, della durata di circa 2 ore, è previsto per il 25 settembre;
- studiare il materiale informativo fornito dai responsabili FAI dei beni aperti. Questa attività è individuale, ed è richiesta a tutti coloro che faranno da guida ai gruppi. Il tempo stimato per questo studio è di ore 16;
– effettuare il sopralluogo del bene a cui sono stati assegnati con l’intero gruppo dei volontari del bene. Il tempo stimato per i sopralluoghi è di circa 3 ore, per familiarizzare con il sito e con tutti gli altri partecipanti;
– svolgere il ruolo di “narratore” del bene nelle Giornate FAI. Agli studenti si chiede un impegno pari a 20 ore, da svolgersi sul sito secondo un calendario che sarà predisposto e condiviso con loro in funzione della complessità del sito e del numero dei visitatori;
– partecipare ad almeno una riunione del Gruppo FAI Giovani Roma successiva alle Giornate FAI, per raccogliere i feedback dell’evento. La durata stimata della riunione è di 2 ore.
– scrivere una relazione dell’attività svolta di almeno 4.000 caratteri.
L’attività prevede il riconoscimento di 2 CFU