Marco Canciani
Il rilievo 3D: procedure innovative per l’analisi, lo studio e la conoscenza del patrimonio archeologico ed architettonico
2014/2015 - Durata: 2 anni

Descrizione della ricerca

Le strumentazioni tecniche per il rilevamento architettonico e archeologico si perfezionano continuamente, producendo così quantità di dati dell’ordine di milioni di punti. Parallelamente, le nuove metodologie, che prevedono l’uso integrato delle diverse procedure, sono sempre più orientate ad un approccio tridimensionale dove, l’uso di un modello virtuale, permette di descrivere nel dettaglio l’oggetto reale, nella sua consistenza volumetrica e superficiale materica. Tali metodologie, definite comunemente di rilievo 3D, permettono di svolgere sul modello tutte le operazioni di analisi, di selezione e di misurazione. L’oggetto che viene determinato dalle procedure del rilievo 3D (siano esse range based – ovvero basate prevalentemente sull’uso del laser scanner 3D –  che image based – cioè basate sulle  procedure di rilevamento fotogrammetrico convenzionale e non) è un modello tridimensionale, che riproduce la forma e l’aspetto dell’edificio, nello sviluppo nelle tre dimensioni, sul quale è possibile strutturare un sistema informativo (GIS), collegando ogni elemento tridimensionale ad una serie di dati anche complessi (database).

Il progetto di ricerca, basato su un approccio interdisciplinare, che vede il contributo di altre discipline, oltre a quella della rappresentazione, quali la storia e la matematica, intende analizzare la corrispondenza tra progetto e opera realizzata, sviluppando le procedure volte al miglioramento qualitativo del rilievo, in termini di correlazione tra rilievo, oggetto costruito e conseguente rappresentazione. Proprio sulle elaborazioni grafiche e sulle procedure che permettono di descrivere, documentare e analizzare l’oggetto rilevato, che sia architettonico o archeologico, il progetto di ricerca intende focalizzare l’attenzione.

  • collocazione nel contesto scientifico nazionale ed internazionale;

Le questioni inerenti il rilievo 3D sono ampiamente discusse nella comunità scientifica anche se il dibattito si concentra in maniera prevalente sugli aspetti relativi alla raccolta dei dati, o all’accuratezza della misura, piuttosto che all’interpretazione dei dati e alla loro rappresentazione. In questo ambito i proponenti della ricerca, Marco Canciani, Corrado Falcolini, Giovanna Spadafora, hanno presentato studi sulle procedure di Rilievo 3D, di analisi e interpretazione dei dati in convegni di rilevanza nazionale e internazionale e hanno sviluppato assieme a Saverio Sturm confronti e scambi con esperti italiani e stranieri, quali il prof. Paolo Belardi dell’Università di Perugia, il prof. Fabio Mariano del Politecnico di Ancona, il prof. Hermman Schlimme della Technische Universität Wien.


Altri partecipanti alla ricerca: Corrado Falcolini, Giovanna Spadafora, Saverio Sturm, Mauro Saccone