L’obbiettivo della tesi è quello di affrontare il tema della riconversione come valida strategia di rigenerazione della qualità edilizia della città moderna.

La Città della Salute di Beelitz si trova a sud ovest di Postdam, nella regione del Brandeburgo, immersa in una foresta ma nonostante ciò perfettamente collegata con la capitale Berlino.

Il programma edificatorio è stato ampliato più volte e ha visto più volte modificare la propria funzione durante le due guerre, da sanatorio ai primi del 900, ad ospedale militare tedesco durante il primo conflitto mondiale, ad ospedale militare sovietico alla fine del secondo conflitto mondiale.

La sua notevole estensione rende possibile lo studio di un masterplan, nonché il restauro e la riqualificazione di edifici storici: offre quindi la possibilità di un programma completo, caratterizzato dalla confluenza di più ambiti disciplinari in un progetto di carattere urbano.

L’abbandono e la fatiscenza degli edifici, provocati dal decorso di due guerre e dalla vendita a privati insolventi, non hanno inibito la percezione della qualità architettonica del complesso nemmeno ad occhi meno esperti.

Ad oggi l’area del sanatorio di Beelitz viene utilizzata nei modi più originali e dall’utenza più variegata, per l’allestimento di set cinematografici e fotografici e piccoli eventi.

Le caratteristiche insediative e tipologiche del complesso rendono compatibile la riconversione dell’ex sanatorio in campus universitario mantenendo e valorizzando i pregi dell’area e degli edifici. A supporto di questa tesi, sono state ulteriormente svolte ricerche, tra le affinità esistenti tra il modello insediativo ospedaliero e quello universitario.

  • 2015.03 | La riconversione della Città della Salute di Beelitz in polo universitario e di ricerca
  • studente/iFontana Giorgia
  • Relatore/i
  • Maria Mancini Francesco
  • Correlatore/i
  • Stabile Francesca Romana, Waldschimdt Kartsen
  • Corso di laurea
  • Progettazione Architettonica
  • Disciplina
  • Progettazione Architettonica
  • Data
  • 05/03/2015
  • Anno accademico
  • 2013-2014
  • Voto
  • 110/110 e lode