Les Ateliers Berthier sono un complesso di edifici a carattere industriale, situati nel XVII arrondissement a Parigi, a nord-ovest della città.
Il progetto si inserisce all’interno del progetto della ZAC Clichy-Batignolles e costituisce, con la ZAC Cardinet Chalabre, la fase delle riqualificazioni delle vaste aree ferroviarie del settore Clichy Batignolles, fra le Rue Cardinet e il Boulevard Périphérique, l’Avenue de Clichy et il fascio ferroviario di Saint Lazare.
Elencate tra le ultime grandi opportunità di Parigi, il settore Clichy  Batignolles, avviato nel 2001, ha conosciuto un accelerazione nel 2003 con l’ipotesi di installare il villaggio olimpico per la candidatura di Parigi ai Giochi Olimpici del 2012. Anche se il risultato della candidatura olimpica fu negativo, il progetto è continuato, trasformando questa delusione in opportunità. Il Comune di Parigi, inoltre, ha selezionato questo sito per construire il nuovo Palazzo di Giustizia di Renzo Piano, un progetto maestoso destinato a trasferire l’attuale sede sull’Ile de la Cité in quest’area.
Les Ateliers Berthier vengono construiti fra 1895 e il 1898 da Charles Garnier, lo stesso architetto de l’Opera Garnier. Questi rimpiazzavano il magazzino delle scenografie de l’Opera di Parigi, collocato a Rue Richer e distrutto in seguito ad un incendio nel 1894. L’edificio si addossa al bastione n. 44 de “l’Enceinte de Thiers”, un muro creato fra il 1841 e il 1844 intorno al Comune di Parigi. All’epoca della construzione de Les Ateliers Berthier non restava che un frammento del muro. Il complesso si compone di tre edifici, un atelier al centro e due magazzini a est ed ovest, simmetrici e disposti intorno ad una corte. Nel 1958 l’architetto Roux-Spitz aggiunse dietro gli edifici laterali due nuovi corpi di fabbrica in cemento. Les Ateliers sono inscritti nel 1990 a “l’inventaire supplémentaire des monuments historiques”. L’interesse principale per questo complesso risiede nel fatto che esso rappresenta la sola opera a carattere industriale di Charles Garnier e fino ad oggi è sempre stato utilizzato per quello per cui era stato concepito: un atelier di scenografie.
Partendo da una specifica richiesta del Comune di Parigi, su esigenza del Conversatorio nazionale superiore d’arte drammatica (CNSAD) e il teatro de l’Odeon de Paris, l’intervento mira a trasformare l’edifico reinterpretandone il linguaggio strutturale e architettonico al fine riconvertire ed estendere il complesso.

  • Riconversione ed estensione de "Les Ateliers Berthier", Penser la place du théâtre au sein des mutations du Grand Paris
  • studente/iOliva Daniele
  • Relatore/i
  • Cordeschi Stefano, Mazlouman Mathab
  • Correlatore/i
  • Pujia Laura, Gribè Gerald
  • Corso di laurea
  • Progettazione Architettonica
  • Disciplina
  • Progettazione Architettonica
  • Data
  • 12/10/2017
  • Anno accademico
  • 2015-2016
  • Voto
  • 110/110 e lode