Situato alle porte di Parigi nel comune di Pantin, il porto fu creato alla fine degli anni ’20 modificando il corso dell’Ourcq in corrispondenza di un importante nodo infrastrutturale. Qui il canale incontra le ferrovie dell’Est e la strada nazionale N3 all’altezza di quello che era uno dei borghi medievali che gravitavano intorno alla capitale francese. Ne consegue la particolare conformazione dell’area sulla quale sono presenti costruzioni di carattere produttivo e abitativo, spesso di riconosciuto valore patrimoniale. L’obiettivo della tesi è di recuperare questo sito abbandonato di grande potenzialità, tramite la riorganizzazione degli accessi e dello spazio pubblico, e di trasformarlo per permettergli di accogliere nuove funzioni, nel rispetto delle sue caratteristiche e delle tracce lasciate dalla storia. E’ stato quindi sviluppato un progetto urbano con lo scopo di densificare il tessuto, sia lavorando all’interno di esso sia amplificandolo, e di creare un parco pubblico inserito nel sistema paesaggistico del canale. In seguito é stato elaborato un progetto di riconversione dei 41.000 mq dei “Magasins Généraux” tramite l’attuazione di un programma misto che prevede la realizzazione di una serie di spazi per attività pubbliche e di spazi in locazione per attività private. Tenendo conto delle problematiche tecniche e normative, l’intervento mira a trasformare l’edifcio reinterpretandone il linguaggio strutturale e architettonico al fine di conservarne l’identità.

  • 2014.05 | Recupero dell'ex porto commerciale sul Canal de l'Ourcq a Pantin
  • studente/iSettimi Giulia
  • Relatore/i
  • Cordeschi Stefano
  • Correlatore/i
  • Raimondi Alberto, Simon Philippe
  • Corso di laurea
  • architettura - progettazione architettonica
  • Disciplina
  • progettazione architettonica
  • Data
  • 23/05/2014
  • Anno accademico
  • 2012-2013
  • Voto
  • 110/110 e lode