Architettura Roma Tre a IPER con Lacaton Vassal

Link identifier archive #link-archive-thumb-soap-24833
Architettura Roma Tre a IPER con Lacaton Vassal
Nei giorni 21-22-23 maggio 2021 il Dipartimento di Architettura partecipa all'IPERfestival delle Periferie, curato da Giorgio De Finis, tre giorni dedicati al tema della periferia, quella romana e quella delle altre metropoli, con un fittissimo programma di incontri, performance artistiche, videoarte, concerti, film, documentari, lezioni e tavole rotonde (Link identifier #identifier__84481-1programma completo).

Il Dipartimento propone le seguenti iniziative:
 

Incontro con LACATON & VASSAL

Venerdì 21 maggio _17.30
a cura di Francesco Careri e Fabrizio Finucci
Link identifier #identifier__30673-2diretta Facebook del Dipartimento di Architettura Roma Tre

I due architetti francesi, che hanno collaborato più volte con il nostro Dipartimento, sono stati insigniti quest’anno del Pritzker Architecture Prize 2021, il più prestigioso nel mondo dell’architettura. Per la giuria, presieduta da Alejandro Aravena, il loro modo di fare architettura è “radicale nel suo delicato approccio alla progettazione, che bilancia perfettamente tecnologia ed ecologia, nel completo rispetto dell'ambiente costruito. Un’architettura forte nelle sue forme come nelle sue convinzioni, trasparente nella sua estetica come nella sua etica (…) Quest'anno, più che mai, abbiamo capito che siamo parte dell'umanità nel suo insieme. Che sia per motivi di salute, politici o sociali, c'è bisogno di costruire un senso di collettività. L'architettura di Lacaton e Vassal è per le persone, mira ad un senso di collettività. Il loro lavoro risponde alle emergenze climatiche ed ecologiche del nostro tempo, così come alle emergenze sociali, in particolare nel campo delle abitazioni urbane".
 
Saluto del prof. Giovanni Longobardi, Direttore del Dipartimento di Architettura
Introduce Francesco Careri
discussant: Fabrizio FinucciChiara Tonelli
 
Precede l’evento la presentazione della ricerca CIRCO. Un immaginario ospitale di città a cura di Link identifier #identifier__71621-3Laboratorio CIRCO (Francesco Careri, Fabrizio Finucci, Chiara Luchetti, Alberto Marzo, Sara Monaco, Serena Olcuire, Enrico Perini, Maria Rocco) con l'anterprima del volume in uscita per l'editore Bordeaux.


Sabato 22 maggio 2021 _ ore 12.00
a cura di Francesco Careri e Fabrizio Finucci
Link identifier #identifier__78891-4diretta Facebook del Laboratorio di Città Corviale


LABORATORIO DI CITTÀ CORVIALE
Tre anni di Laboratorio di Città Corviale raccontati attraverso le testimonianze dell’equipe territoriale e una visita virtuale dei Laboratori artistici di Comunità X e Stamperia del Tevere/Laborintus della Piazzetta delle Arti di Corviale.
Il progetto del “Laboratorio di Città Corviale”, in collaborazione tra il Dipartimento di Architettura e il Dipartimento per l’Inclusione Sociale della Regione Lazio ha il fine di avviare un programma di azioni finalizzate a condividere un progetto urbano con il quartiere ed il territorio circostante, favorendone la crescita e l’inclusione sociale. Il Progetto ha lo scopo di affiancare alle trasformazioni edilizie di Corviale, azioni e politiche sociali in grado di accompagnare i soggetti che ne saranno direttamente coinvolti e di tradurre gli interventi di riqualificazione urbana previsti nell’area (progetto Salimei e progetto Peretti) in politiche di sviluppo locale di più ampio respiro che coinvolgano gli attori e le realtà già presenti sul territorio e informare, raccordare e coordinare le diverse progettualità previste. Il Laboratorio di Città Corviale è oggi interpretato come luogo fisico di incontro e confronto costante, un soggetto con cui le reti locali e le Istituzioni possono interloquire in riferimento alla trasformazione del Piano Libero e, più in generale, rispetto alla riqualificazione del quartiere. L’esserci del Laboratorio ha dato la possibilità di avviare un progetto sull’uso e la regolarizzazione degli spazi commerciali della “Piazzetta delle Arti” di via Mazzacurati 89 oggi occupati. Lo stato dell’arte è caratterizzato dalla presenza, ormai consolidata, di soggetti che hanno sviluppato, in questi spazi, attività legate al mondo dell’arte. Rilevante, inoltre, è l’attività di presidio che questi soggetti svolgono: la loro presenza sul campo fa sì che lo spazio pubblico sia curato, manutenuto e animato da una serie di attività culturali. Il Laboratorio durante il primo anno di attività in particolare svolgendo l’accompagnamento sociale ha sviluppato il Progetto delle Memorie. Si tratta di un lavoro di documentazione del programma di trasformazione del Piano Libero, attraverso una mappatura degli alloggi delle famiglie coinvolte, parallelamente all’avanzamento dei lavori. Il progetto ha l’obiettivo di documentare queste case prima che vengano demolite dal cantiere e, in particolare, di conservare traccia e memoria delle storie di vita delle persone che le hanno abitate.
 
Introducono: Sara BraschiSofia SebastianelliMaria RoccoSara Le Xuan
Partecipano: gli artisti di Comunità X e Stamperia del Tevere/Laborintus con delle live performance
Sul canale web dell’IperFestival le tracce audio delle interviste alle famiglie coinvolte dal programma di trasformazione del quarto piano, a cura del Laboratorio di Città Corviale.



Sabato 22 maggio 2021 _ ore 13.00
ROMA PER PINQUA
I progetti di Roma per il Programma Innovativo per la Qualità dell’Abitare 2021

A cura del Comune di Roma, Assessorato all’Urbanistica e Assessorato al Patrimonio e alle Politiche abitative.
Presentazione della strategia dei tre progetti sviluppati dal Comune di Roma con il supporto scientifico delle tre Università per la partecipazione al Programma Innovativo per la Qualità dell'Abitare (PINQuA) bandito dal MIT. Il Comune di Roma ha partecipato con tre progetti di abitare pubblico, articolandoli secondo tre orientamenti: rigenerazione urbana di edilizia residenziale pubblica, demolizione e ricostruzione, recupero di un bene vincolato oggetto di occupazione abitativa. A Tor Bella Monaca si propone la riqualificazione del comparto R5, attraverso il miglioramento energetico e sismico, la riarticolazione tipologica e funzionale del basamento e la densificazione necessaria per il miglioramento dell’accessibilità, della sicurezza e dei servizi. A via di Cardinal Capranica viene demolito un fatiscente edificio abbandonato per la realizzazione un nucleo di edilizia residenziale pubblica (e mista) di elevata qualità architettonica e sperimentazione tipologica. A via del Porto Fluviale viene recuperato il famoso palazzo occupato e dipinto dallo street artist Blu, tramite un percorso di integrazione sociale di una occupazione abitativa attraverso un processo di co-progettazione finalizzato alla risoluzione dell’annoso conflitto.
 
Coordina 
Oscar Piricò Dirigente U.O. Edilizia Sociale, Dipartimento PAU Roma Capitale 

13.20 _ Luca Montuori, Assessore all’Urbanistica Roma Capitale
Valentina Vivarelli, Assessora al Patrimonio e Politiche abitative Roma Capitale

13.50 _ Eliana Cangelli, Sapienza Università di Roma
Francesco Careri, Università Roma Tre
Alfonso Giancotti, Sapienza Università di Roma

14.10 _ Valentina Cocco, Vice Direzione Generale - Segreteria tecnica Comune di Roma
Fabrizio Finucci, Università Roma Tre: Valutazione economiche
Christian Iaione, Luiss Guido Carli: Governance e partecipazionePiricò

14.30 _ Orazio Carpenzano, Preside Facoltà di Architettura Sapienza Università di Roma
Giovanni Longobardi, Direttore Dipartimento di Architettura Università Roma Tre
Antonio Punzi, Direttore Dipartimento di Giurisprudenza LUISS Guido Carli

14.50 _ Maria Vittoria Molinari, Asia USB Tor Bella Monaca
Manuela De Nardis, Assemblea di Porto Fluviale
Donatella Pompei, Opera Don Calabria Cardinal Capranica
 
 
Link identifier #identifier__178209-1Link identifier #identifier__27669-2Link identifier #identifier__118329-3Link identifier #identifier__77730-4