RAFFAELE PONTRANDOLFI

QualificaDottorando
Emailraffaele.pontrandolfi@uniroma3.it
IndirizzoVia Ostiense 159
Struttura/Afferenza
  • Dipartimento di Architettura
Altre informazioniCurriculum
foto profilo
Qualora le informazioni riportate a lato risultino assenti, incomplete o errate leggi le seguenti istruzioni
Per telefonare da un edificio dell'Ateneo all'altro SE il numero unico inizia con "06 5733xxxx" basta comporre le ultime quattro cifre del numero esteso.

Profilo INSEGNAMENTI Prodotti della ricerca Avvisi Ricevimento e materiale didattico

Profilo

Titoli e cariche

Architetto, laurea magistrale in Progettazione Architettonica con votazione 110 e lode (a.a. 2015-2016). Dottorando di ricerca nel corso “Architettura: innovazione e patrimonio” (XXXIV° ciclo) presso il Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi Roma Tre. Consegue il Master BIM La Sapienza di I° livello, con votazione 110 e lode (a.a. 2017-2018) e svolge un tirocinio curriculare di tre mesi presso l’Istituto per le Tecnologie Applicate ai Beni Culturali (ITABC) del CNR di Roma. Il tema di ricerca è incentrato sull’analisi del patrimonio architettonico moderno, in particolare su esempi di valore storico-testimoniale di edilizia residenziale pubblica del secondo dopoguerra in Italia, attraverso l’utilizzo di metodologie e strumenti digitali GIS e BIM. Dal 2017 è anche Cultore della Materia per i corsi di: Laboratorio di Progettazione Architettonica 2A (Scienze dell’Architettura) e Laboratorio di Progettazione Architettonica 2M (Magistrale in Progettazione Architettonica).

Didattica

Assistente per il corso di Laboratorio di Progettazione Architettonica 2A
Assistente per il corso di Laboratorio di Progettazione Architettonica 2M

Ricerca

La ricerca di dottorato è riferita all’indagine conoscitiva e alla rilettura del patrimonio residenziale pubblico del secondo dopoguerra in Italia. In particolare lo studio e l’analisi, anche attraverso l’ausilio di strumenti e metodologie digitali (GIS e BIM), per la valorizzazione e il recupero di esempi di valore storico-testimoniale nelle prime esperienze dell’INA Casa e dell’UNRRA Casas durante gli anni Cinquanta del secolo scorso.